Trasformate il vostro Raspberry Pi in un NAS con Samba nel 2023

Trasformate il vostro Raspberry Pi in un NAS Titolo immagine

Oggi vi mostrerò come trasformare il vostro Raspberry Pi in un NAS.

Che cos'è un NAS? Il Network-Attached Storage è una soluzione di archiviazione locale che può essere utilizzata da più client. In questo modo è possibile archiviare i file da computer, tablet e telefoni su un unico dispositivo.

Ma un NAS è costoso.

Mentre un Raspberry Pi NAS è significativamente più economico.

Infatti, di recente abbiamo parlato di un Raspberry Pi Zero NAS. Ma questo brillante progetto richiede un PCB personalizzato.

Questo NAS non richiede altro che un Raspberry Pi e un dispositivo di archiviazione.

Questo è anche il progetto perfetto se avete appena acquistato un Raspberry Pi 5 e ora state cercando un progetto per il vostro vecchio Raspberry Pi 4. In ogni caso, questo progetto è per voi. In ogni caso, questo progetto fa per voi.

Raspberry Pi NAS

Quindi facciamo questo in 5 passi!

Cosa vi serve

Per questo progetto utilizzerò:

Avrete inoltre bisogno di un alimentatore per il vostro Raspberry Pi 4, ma immagino che non ci sia bisogno di dirlo.

Per quanto riguarda il Raspberry Pi 4, l'opzione migliore per un NAS è quella con 4 GB o 8 GB di RAM.

Io sto usando una chiavetta USB da 64 GB, ma come ho scritto sopra, potete sbizzarrirvi con la quantità di memoria che volete!

Raspberry Pi 4 e unità USB da 64 GB

Primo passo: flashare Raspberry Pi OS Lite

Stiamo per configurare un Raspberry Pi senza monitor. Ovvero, configureremo il Raspberry Pi senza un monitor.

Quindi installeremo Raspberry Pi OS Lite. Perché Lite?

Beh, se state guardando il nuovo Il topo di biblioteca OS, si vedrà che la variante a 64 bit è di 1,1 GB e quella a 32 bit di 1,2 GB.

Nel frattempo, la variante a 64 bit di Raspberry Pi OS Lite occupa 0,4 GB. Quindi stiamo risparmiando un sacco di spazio!

Se non avete usato l'imager di recente, noterete che è stato aggiornato negli ultimi mesi.

Per prima cosa, sceglierete il dispositivo Raspberry Pi, che per me è un Raspberry Pi 4.

Sistemi operativi Raspberry Pi Imager

Per quanto riguarda il sistema operativo, andate su Raspberry Pi OS (altro) e poi scorrete verso il basso fino a Raspberry Pi OS Lite (64-Bit). Per quanto riguarda la scelta dello spazio di archiviazione, bisogna assicurarsi di scegliere la scheda micro SD.

La scheda SD verrà cancellata completamente e sostituita esclusivamente con il sistema operativo di Raspberry Pi, quindi assicuratevi di non avere nulla di importante al suo interno!

È necessario configurare il tutto in modo che abbia un aspetto simile a questo:

Impostiamo il nome dell'host su nas.

Poi imposterò il nome utente su rpi e la password su raspberry.

Configurare definitivamente la LAN wireless. L'SSID è il nome della rete Internet.

Configurazione del riproduttore di immagini Raspberry Pi

Ho cerchiato anche "Servizi" nell'immagine qui sopra, perché è necessario fare clic lì per abilitare SSH. Questo è molto importante per far funzionare il Raspberry Pi senza testa.

Una volta configurato tutto, si può procedere al flash di Raspberry Pi OS Lite sulla scheda micro SD. L'operazione richiederà alcuni minuti, quindi potete sedervi e rilassarvi nell'attesa.

Secondo passo: SSH sul vostro Pi

Ora si inserisce la scheda micro SD nel Raspberry Pi e lo si collega. Accederemo al Pi senza testa.

Stiamo usando Shell sicura (SSH)che stabilisce una connessione criptata tra il computer principale e il Raspberry Pi. Per impostazione predefinita, SSH imposta questa connessione sicura attraverso la Porta 22.

Quindi, per accedere al Pi, è necessario aprire un terminale sul computer principale e digitare quanto segue:

ssh rpi@nas.local

Questo, ovviamente, presuppone che abbiate seguito il mio consiglio di utilizzare il nome dell'host nas e il nome utente rpi. Dovrete digitare la password. Ora vedrete che il terminale vi metterà nel Pi.

Terzo passo: Configurazione dell'unità

Dobbiamo configurare l'unità. Quindi, per prima cosa, eseguiamo lsblkche elenca le informazioni su tutti i dispositivi a blocchi disponibili (cioè i dispositivi di archiviazione) e le loro partizioni.

Quindi, utilizzando il terminale che si è collegato in SSH al Pi, digitare:

lsblk

E poi vedrete qualcosa di simile a questo:

Disco USB prima della partizione

Qui, sda si riferisce all'unità USB collegata al mio Raspberry Pi. Nel frattempo, mmclk0 si riferisce alla scheda micro SD ("mmc" sta per Multimedia Card). Si può notare che è partizionata in mmcblk0p1, che è la partizione di avvio, e mmcblk0p2, che è il file system principale.

È necessario partizionare l'unità USB per assicurarsi che il sistema operativo la riconosca correttamente. Utilizzeremo quindi fdisk, acronimo di "fixed disk" o "format disk".

Questo processo cancellerà tutto ciò che è contenuto nell'unità USB, per essere consapevoli.

Quindi, nel terminale, dobbiamo eseguire quanto segue per partizionare l'unità USB:

sudo fdisk /dev/sda

Ora, se si esegue lsblk per vedere tutto, si dovrebbe vedere qualcosa di simile a questo:

Dischi partizionati

Torneremo a quel punto di montaggio di /mnt/sda1. Per il momento è necessario formattare la partizione. La formattazione imposta questa nuova sda1 come punto di memorizzazione e recupero dei dati sul Raspberry Pi.

Quindi è necessario correre:

sudo mkfs.ext4 /dev/sda1

Come si può vedere, la nuova partizione viene formattata con il file system ext4. Questa operazione richiederà probabilmente qualche minuto, quindi potete prendervi un minuto di relax.

Ora, finalmente, dobbiamo montare l'unità. Questo è l'ultimo passo importante per rendere disponibile l'unità USB al file system del Pi:

sudo mount /dev/sda1

Inoltre, si vorrà sicuramente impostare il tutto in modo che l'unità venga montata automaticamente in futuro. Quindi modificheremo la configurazione delle unità disco: fstab. Sta per "tabella del file system".

sudo nano /etc/fstab

Apriamo questo file di configurazione con Nano. Vedrete subito qualcosa che assomiglia a questo:

File di configurazione della tabella del file system

Gli UUID sono gli identificatori del dispositivo. Sono seguiti dal punto di montaggio. Il vfat e ext4 sono i tipi di file system. Quindi defaults si riferisce alle opzioni di montaggio. Infine, l'opzione 0 si riferisce al campo di scarico e il numero finale si riferisce al campo fsck campo.

Aggiungeremo quanto segue:

/dev/sda1    /mnt/sda1/     ext4    defaults     0    1

A questo punto è sufficiente premere Ctrl+X e poi Y e infine Invio.

A questo punto, per configurare il tutto, non resta che impostare una cartella condivisa nas cartella.

Iniziamo quindi creando una nuova cartella. Eseguire:

mkdir /mnt/sda1/nas

E ci assicureremo che tutto sia completamente accessibile e modificabile. Quindi lo renderemo leggibile, scrivibile ed eseguibile per tutti con quanto segue:

sudo chmod 777 -R /mnt/sda1/nas

E questo è tutto per la configurazione. Se avete riscontrato qualche problema con questa sezione, fatecelo sapere nei commenti qui sotto!

Quarto passo: installare Samba

Ora dobbiamo installare Samba. Prima di tutto, assicuriamoci che tutto sul Raspberry Pi sia aggiornato. Iniziate quindi con:

sudo apt update && sudo apt upgrade

Ora è necessario installare Samba eseguendo:

sudo apt install samba samba-common-bin -y

Quindi si modificherà il file di configurazione in modo che altri dispositivi possano accedere al file condiviso nas file. Come abbiamo fatto sopra, dobbiamo aprire il file di configurazione con Nano:

sudo nano /etc/samba/smb.conf

Scorrete fino in fondo e aggiungete quanto segue:

[NAS]
path=/mnt/sda1/nas
public=no
guest ok=no
create mask=0777
directory mask=0777
writeable=yes

Permettetemi di spiegare brevemente di cosa si tratta. [NAS] è il nome che gli altri dispositivi vedranno e ha il percorso /mnt/sda1/nasche è la cartella creata in precedenza.

Abbiamo impostato public=no in modo che non sia visibile a tutti gli utenti della rete. Per accedervi è necessario conoscere il suo nome.

Abbiamo impostato guest ok=no in modo da richiedere l'autenticazione per accedere al NAS.

Quando si tratta di create mask e directory maskQuesti parametri impostano le autorizzazioni per i file condivisi sul NAS. Ecco perché sono impostati su 0777come abbiamo fatto con i permessi di cui sopra.

Infine, si imposta su writeable=yesche consente agli utenti di creare, modificare ed eliminare i file.

Ora è necessario riavviare il demone Samba:

sudo systemctl smbd restart

Quinto passo: Stabilire l'accesso al NAS

Ora è necessario aggiungere gli utenti.

Immaginiamo che si voglia aggiungere il proprio partner di nome Noa. Per farlo, digitate:

sudo adduser noa

Vi verrà richiesta una password e poi le informazioni personali. Potete scegliere di fornire tutte le informazioni che desiderate.

Tuttavia, questo non è sufficiente. È necessario fare un ulteriore passo avanti e assegnare separatamente le password.

Questo passaggio è molto importante, altrimenti non sarà possibile accedere al NAS. Eseguire quindi ora:

sudo smbpasswd -a noa

Ora digitate la password di Noa.

Non dovrebbe essere necessario riavviare dopo tutto questo, ma a me piace sempre riavviare per assicurarmi che tutto sia funzionante e stabile. Se volete, eseguite:

sudo reboot

Ora il vostro Raspberry Pi dovrebbe riavviarsi e accedere al disco USB senza problemi!

Conclusione

Questo è tutto, gente. Godetevi il vostro nuovo Raspberry Pi NAS!

È possibile accedervi da iOS, MacOS, Windows e altri dispositivi Linux. Tutto ciò che si deve fare è accedere al proprio file manager e collegare il dispositivo al NAS.

Raspberry Pi NAS

Se siete interessati ad altre esercitazioni come questa, potete cliccare sul pulsante qui sotto:

Se siete interessati ad altri progetti con il vostro Raspberry Pi 4, date un'occhiata alla nostra serie di progetti Paragon:

Cosa farete con il vostro nuovo NAS?

3 commenti

  1. riddick in Dicembre 5, 2023 il 4:08 am

    Ho un server samba RPi 4 2GB da quasi 4 anni. Ho due unità USB (una da 2,5 pollici alimentata dal bus, una da 3,5 alimentata da un adattatore a muro separato). Un'impostazione di spindown di 1 ora nelle unità USB funziona benissimo e mi garantisce solo un paio di spin-up al giorno. Ho provato a sostituire un RPi 5 per vedere se avrei ottenuto prestazioni migliori, ma ho riscontrato prestazioni di lettura inferiori a 10%. Anche spostando file di grandi dimensioni, non ho mai avuto difficoltà con i 2 GB di RAM. Avevo Kodi in esecuzione sullo stesso server e guardavo i video mentre gli altri PC accedevano ai file.
    Consiglio vivamente questa configurazione.

  2. Vasiliy in Dicembre 5, 2023 il 10:51 pm

    Влане софтвера сделать nas на lampone не сложно. Таких мануалов в сети уже миллионы, ничего нового в этой статье нет. Не говоря уже о том, что эту подделку нельзя назвать nas. Это локальный SMB-сервер, аналог банальной расширенной папки. Где приложение? Где SFTP? Где веб-морда? Где ПО для Web-визуализации контроля и управления накопителями? Ах да, про накопители... Где они? NAS на баз сраной флэшки? Серьёзно? Купить железку за 5-8к чтобы сделать nas из флэшки? Вспоминается картинка с тролейбусом из буханки хлеба... Если хочешься поделиться чем то полезным, приобрети к распберику sata-шилд, жёсткие диски, напечатай корпус с обдувом, предусотри в нмё установку flex блока питания, накатит туда nextcloud, убери его вебку за Nat, сделай разделение доступа, установи плагины для работы с документами, создай дублирующий райд, установи софт для сетевого резервирования. Вот тогда это будет похоже на NAS.

Lascia un commento