Quo vadis, Raspberry Pi? Riassunto delle interviste di Eben Upton del 2022

Eben Upton 2022 interviste riassunte

Il 2022 è un anno speciale per il Raspberry Pi, che raggiunge il suo decimo anno di vita.

Rimane anche uno degli anni più insoliti della sua storia. Se ne voleste una oggi, non potreste acquistarla ai prezzi ufficiali a meno che non abbiate preso un aereo per Cambridge.

Ho esaminato le interviste rilasciate da Eben Upton, il CEO di Raspberry Pi Ltd., ai media.

Ecco alcuni spunti di riflessione.

Video del decimo anniversario pubblicato da Raspberry Pi che documenta la sua storia, raccontata dal CEO Eben Upton.

Sui problemi della catena di approvvigionamento nel 2023

"Penso che tra un anno, se tutto va bene, Raspberry Pi si sarà ripreso dagli effetti persistenti della pandemia COVID-19".

"Stiamo vivendo, al momento, un periodo di interruzione della catena di approvvigionamento che sarebbe iniziato alla fine del 2020, inizio 2021".

"Sfortunatamente, ciò ha influito in modo sproporzionato sulla nostra capacità di fornire Raspberry Pis ai consumatori. Speriamo quindi che tra un anno... se riuscissimo a fare una cosa nei prossimi 12 mesi, sarebbe quella di correggere questa situazione".

Fonte: Intervista di Eben Upton a Micro Center

"Ci sono sempre delle sfide. Quest'anno avremo un calo dei volumi. Nel 2020 abbiamo venduto 7 milioni di Raspberry Pis, un anno strano ma ovviamente non vincolato. L'anno scorso siamo stati limitati dalla fornitura di chip - abbiamo venduto di nuovo 7 milioni, in un ambiente in cui mi sarei aspettato di venderne 8 o 9, forse 9 o 10. Quest'anno saremo in calo. Quest'anno saremo in calo. Saremo meno di 7 milioni".

"Si tratta di un'attività in cui la domanda è in netto aumento, ma la capacità di approvvigionamento è in calo. Questo è molto doloroso per noi".

Fonte: Podcast di Cambridge Tech (20 novembre 2022)

I clienti industriali prima di tutto

"Dal punto di vista della domanda, tendiamo a dare la priorità ai nostri clienti industriali, perché sono quelli che hanno investito nella nostra piattaforma".

"Potenzialmente, quando si parla di 'clienti industriali', non si tratta di multinazionali, ma di organizzazioni di piccole e medie dimensioni che potrebbero fallire per mancanza di 50 Raspberry Pis".

"Tendevamo a dare la priorità ai nostri clienti industriali, ai piccoli clienti industriali. Per noi è stato doloroso, perché ci consideriamo un'azienda incentrata sugli hobbisti".

Fonte: Podcast di Cambridge Tech (20 novembre 2022)

Cambiamenti previsti per i futuri Raspberry Pis

"Mi aspetto probabilmente un continuo aumento delle prestazioni della potenza di elaborazione in un arco di tempo che va dai 5 ai 10 anni. Dobbiamo essere in grado di registrare un aumento della potenza di elaborazione del dispositivo".

"Ci sono sempre nuovi standard, nuovi standard grafici e nuovi standard video. Ci sono nuove capacità di cui le persone hanno bisogno, che si tratti di apprendimento automatico. Che si tratti di elaborazione delle immagini. Quindi ci sono sempre nuove cose da fare. Penso che sia improbabile che Raspberry Pi abbia un aspetto radicalmente diverso".

"Abbiamo tre fattori di forma per il Raspberry Pi: il fattore di forma Compute Module per l'embedded profondo. Abbiamo il classico computer a scheda singola, che è di gran lunga la parte più grande del nostro volume, e poi abbiamo il fattore di forma Pi 400".

"Puramente industriale: Modulo di calcolo. Puramente consumer: prodotti della serie 100. E poi il single-board computer che si colloca nel mezzo e vende in entrambi i mercati".

Fonte: Intervista di Eben Upton a Micro Center

Dopo due anni, come giudica Eben il Pi 400?

"Spero che continueremo a fare Pi 400, che è stata una vera sorpresa per noi. È stata una vera sorpresa per noi, cioè è una misura dell'ottimismo che ci ha afflitto nella prima parte del 2020".

"Abbiamo svolto un enorme lavoro finanziato con fondi filantropici per portare i computer Raspberry Pi nelle mani di giovani svantaggiati del Regno Unito, che sarebbero stati mandati a studiare da casa ma senza alcuna capacità informatica reale.

Raspberry Pi 400 è stato lanciato nel novembre del 2020 e ricordo che ad aprile pensavo: "Stiamo spedendo il Raspberry Pi 4 a questi ragazzi e pensiamo: questi ragazzi hanno bisogno del Pi 400".

"Il Pi 400 ha dimostrato la sua validità in questo tipo di applicazioni, quindi spero che potremo continuare a realizzare prodotti della serie 100".

"Tuttavia, non riesco a immaginare un'evoluzione significativa del fattore di forma".

Fonte: Intervista di Eben Upton a Micro Center

RP2040

"Siamo passati dall'essere un'azienda che prende il silicio di altri e ci costruisce intorno prodotti, a un'azienda che produce il proprio silicio, ci costruisce intorno prodotti ma vende anche quel silicio a terzi, quindi spero che la linea di prodotti Pico continui.

"Abbiamo assistito, in parte accelerati dalla scarsità di altri semiconduttori, all'esplosione di questa sorta di efflorescenza di schede di terze parti costruite attorno alla piattaforma RP2040. Spero quindi che l'ecosistema cresca.

Fonte: Intervista di Eben Upton a Micro Center

Sul negozio ufficiale di Cambridge e sui negozi pop-up

raspberry pi pop up store londra
Negozio pop-up a Londra nell'ottobre 2022.

"È bello avere un negozio per una serie di motivi. Ovviamente, può essere un'attività commerciale. Può far guadagnare soldi. È bello avere un ambiente fisico dove portare i giornalisti. Si avrebbe una manifestazione più interessante dell'attività rispetto a una semplice fattoria di cubicoli".

"È un ambiente per incontrare i vostri utenti... come noi che abbiamo un'ampia base di utenti tecnologicamente sofisticati. È un luogo dove possono venire se vogliono interagire direttamente con noi, ma tende anche ad attirare clienti che non sono ancora convinti della proposta Raspberry Pi".

"Le persone che ne hanno sentito parlare, ne hanno un'idea, ma potrebbero voler parlare con qualcuno prima di buttarsi".

"Ha raggiunto tutti questi obiettivi, con la possibile eccezione di fare soldi. Ma non è nemmeno disperata. Credo che nel tempo abbia perso un po' di soldi. Quest'anno sarà redditizio, soprattutto per quanto riguarda i pop-up, che sono molto redditizi".

Fonte: Podcast di Cambridge Tech (20 novembre 2022)

La crescita futura del Raspberry Pi

"Siamo molto esigenti con le persone che assumiamo. Assumiamo solo persone intelligenti e che non siano cattive persone".

"Siamo sempre stati interessati a come finanziare la crescita futura dell'azienda, sia che si tratti di finanziare la ricerca e sviluppo, sia che si tratti di finanziare le modifiche al nostro bilancio".

"All'inizio eravamo un'azienda che si occupava di licenze, e all'inizio i siti web dei nostri licenziatari sono andati in crash (a causa di troppe persone che volevano acquistare Pis nello stesso momento). Siamo molto più un'azienda diretta. Realizziamo prodotti e li vendiamo con un margine di guadagno".

"Abbiamo esaminato molte opzioni per [finanziare l'azienda]. Ovviamente, i mercati pubblici sono una di queste. I mercati pubblici non sono un posto amichevole al momento, quindi questo non è in cima alla lista delle cose a cui pensare, ma mai dire mai".

Fonte: Podcast di Cambridge Tech (20 novembre 2022)

Raspberry Pi Pico prodotto in Kenya per il mercato africano

Eben Upton a Nairobi, Kenya. Foto di Raspberry Pi

Eben Upton ha scritto in questo post sul blog che i Raspberry Pi Picos saranno prodotti a Nairobi, in Kenya. Ha detto,

"Abbiamo trovato una linea di assemblaggio a montaggio superficiale all'avanguardia, che in linea di principio potrebbe essere utilizzata per costruire quasi tutti i prodotti Raspberry Pi. Stiamo iniziando con Pico, il nostro prodotto più piccolo, semplice e a basso costo, ma a tempo debito speriamo di aggiungerne altri, tra cui Pico W e Zero 2 W",

"Come nel caso del reshoring della produzione in Galles, si tratta di una felice coincidenza di interessi personali e del desiderio di sostenere la produzione elettronica in un Paese a cui teniamo molto. Portando in Kenya i componenti anziché i prodotti finiti, paghiamo dazi d'importazione più bassi e beneficiamo di altri incentivi governativi; inoltre, stoccando i componenti in loco, saremo in grado di reagire più rapidamente alla rapida crescita della domanda dei nostri prodotti nell'Africa orientale".

Fonte: Blog su Raspberry Pi

Più RAM per lo Zero 2 W?

"Una maggiore quantità di RAM è sicuramente un'opzione che vorremmo vedere in un futuro successore dello Zero 2W, ma questo è un po' lontano".

Fonte: Commento di Eben Upton

SBC con eMMC a bordo?

"Un Raspberry Pi SBC con eMMC a bordo è una richiesta comune: Penso che sia giusto dire che ne faremmo uno ora se non fossimo in una situazione di vincoli sui prodotti attuali, e probabilmente torneremo sull'idea più avanti nel 2023".

Fonte: Commento di Eben Upton


Anche Eben Upton ha ricevuto un borsa di studio onoraria dal Museo Nazionale dell'Informatica. La borsa di studio onoraria del National Museum of Computing riconosce "contributi eccezionali alla storia e allo sviluppo continuo dell'informatica".

Lascia un commento